OSTIGLIA – TASK FORCE CONTRO IL LAVORO NERO NEI CAMPI 5 ARRESTI DEI CARABINIERI

Ostiglia, prosegue incessante il lavoro della “Task Force” dei Carabinieri mantovani per debellare il fenomeno del lavoro nero e del caporalato. A finire sotto la lente dei controlli da parte dei Carabinieri, un’azienda agricola che opera nella zona di Ostiglia al confine con il Veneto.

Di buon mattino del 15 giugno, i militari dell’ Arma con gli specialisti del Nucleo Ispettorato del Lavoro, dagli ispettori dell’INPS e dell’INAIL, hanno eseguito un controllo a tappeto negli sterminati campi al confine con il Veneto dove attualmente è fiorente la coltivazione del radicchio rosso e dove un’azienda agricola con sede legale a Legnago, avvalendosi di una cooperativa che gestisce braccianti agricoli (tutti stranieri extracomunitari) con sede legale nel modenese, hanno proceduto al controllo di ben 56 braccianti, provvedendo a controllare la loro posizione retributiva e assicurativa.

Tutti i braccianti sono risultati in regola con il permesso di soggiorno, ma nonostante ciò è emerso che la paga oraria era all’incirca di 5 euro. Inoltre nessuno degli operai indossava dispositivi di protezione e non erano mai stati sottoposti alla preventiva e prevista vista medica.

Nell’ambito dell’imponente operazione sono stati arrestati 4 ”caporali” (Tre pakistani ed un marocchino) che avevano il compito, per conto della cooperativa, di “gestire” i braccianti, nonché il committente dei lavori e proprietario del fondo agricolo, un italiano 72enne.

Per i primi quattro si sono aperte le porte del carcere, mentre per il committente sono stati disposti gli arresti domiciliari. Inoltre, nel contesto della medesima attività, che ha determinato la sospensione dell’attività da parte dell’Azienda Agricola, sono stati sottoposti a sequestro i tre furgoni utilizzati per il trasporto dei braccianti e sono state elevate contravvenzioni amministrative per un ammontare di 48.800 euro.

Il Prefetto di Mantova, Dottoressa Carolina BELLANTONI, ha espresso il suo vivo apprezzamento, per la brillante operazione di servizio e per i positivi obiettivi conseguiti finalizzati a contrastare le situazioni lavorative irregolari, che portano troppo spesso a ledere la dignità degli stessi lavoratori, nell’ambito di una problematica che è da sempre, oggetto di particolare attenzione da parte della suddetta Autorità.

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.