LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi per la regia di RICCARDO BRAGLIA, il 6 marzo al TEATRO SOCIALE DI MANTOVA

MANTOVA – Venerdì 6 Marzo 2020 ore 20.30 al Teatro Sociale di Mantova, va in scena il La Traviata, opera di Giuseppe Verdi. Lo spettacolo allestito da Associazione Italiana Musica in Scena, vede la direzione artistica e musicale del M° Riccardo Leónida e la regia di Riccardo Braglia, che rispettose della partitura e del libretto dell’opera, porteranno in scena una Traviata ricca di momenti emozionanti e atmosfere verdiane.

LA TRAVIATA.jpgTra gli interpreti principali Sarah Basti (Violetta), soprano di origine romana si è diplomata nel 2017 con lode al Conservatorio di Como. Si esibisce ancora prima della laurea in numerosi concerti di musica barocca e nel 2012 apre il concerto a Elio delle storie Tese durante il Festival di Cernobbio. Debutta in campo operistico nel 2013 in “Don Pasquale” e in “Elisir d’Amore”, a seguire “Boheme”, “Don Giovanni”, “Traviata”.

Il tenore Cosimo Vassallo (Alfredo Germont), si è diplomato con lode al Conservatorio L.
Campiani di Mantova. Nel 2006, in occasione del Summer Art Festival di Duluth in Minnesota (USA), debutta nel ruolo del Duca di Mantova nel Rigoletto. Sempre nel 2006 risulta vincitore del II premio della sezione canto del IV Concorso di Musica A.GI.MUS. di Roma. Da allora si esibisce nei maggiori teatri italiani e internazionali.

Il baritono Andrea Zese (Giorgio Germont), vincitore dei concorsi lirici internazionali Maria Callas e il Giacomo Puccini e il Mario del Monaco. Molto attivo nel repertorio verdiano, sia in teatri italiani che in prestigiose manifestazioni internazionali, fra cui Falstaff, Lucia di Lammermoor, Traviata, Rigoletto, Aida, Trovatore… a Palermo, Miami, Londra, Tokyo, Panama, Salisburgo…

Tra gli altri interpreti segnaliamo il mezzosoprano Yu Wang (Flora Bervoix), il soprano Simona Canuti (Annina), il tenore Angelo Goffredi (Gastone), e a seguire Stefano Viti (Marchese), Marcellino Stival (Barone), Massimiliano Catellani (Dottor Grenvil), Giorgio Gianese (Giuseppe, servo di Violetta), Giovanni Cordioli (Commissionario), Marco Morbioli (servo di Flora).

Lo spettacolo vedrà la partecipazione del Coro Lirico San Filippo Neri preparato dal M° Ubaldo Composta e dell’Orchestra Sinfonica dei Colli Morenici di Mantova. Scenografie e costumi a cura di Mousikè Drama Workshop, curati rispettivamente da Dino Zorzenon e Stefania De Carli.  Coreografie di Simonetta Andreata, Corpo di ballo Centro Educazione Artistica di Villafranca di Verona.

La Traviata è un’opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dalla pièce teatrale di Alexandre Dumas (figlio) “La signora delle camelie”. Viene considerata parte di una cosiddetta “trilogia popolare” di Verdi, assieme a Il trovatore e a
Rigoletto. Fu in parte composta nella villa degli editori Ricordi a Cadenabbia, sul lago di Como. La prima rappresentazione avvenne al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo 1853.

L’inizio dell’opera piacque al pubblico, ma dal secondo atto in poi cominciò a scemare e l’esito complessivo, a detta dello stesso Verdi, fu un fiasco. Il compositore sostenne ripetutamente (come aveva già lasciato presagire prima del debutto), che la responsabilità dello scarso entusiasmo del pubblico non era imputabile alla musica, ma ai cantanti, reputati non altezza sia vocalmente che fisicamente.

In rotta con l’amministrazione del Teatro La Fenice, rea di non aver accolto le sue critiche sulla scelta degli artisti, Verdi decise di non autorizzare altre messe in scena de “La Traviata” se i panni di Violetta, Alfredo e Giorgio Germont non fossero stati indossati da artisti fisicamente e tecnicamente adeguati ai ruoli. A causa della forte critica alla società borghese del tempo, l’opera, nei teatri di Firenze, Bologna, Parma, Napoli e Roma, fu rimaneggiata dalla censura e messa in scena con alcuni pezzi totalmente stravolti. Sempre per sfuggire alla censura, La Traviata dovette essere spostata come ambientazione cronologica dal XIX secolo al XVIII secolo.

 

I biglietti sono acquistabili on line suhttps://www.teatrosocialemantova.it/ oppure Box Office, Corso Umberto I, 12 – Tel 0376 / 1590869 – Mail boxofficemantova@gmail.com
Intero: Platea e palchi: 45 Euro – Loggia e loggione: 36 Euro
Over 65: Platea e palchi: 35 Euro – Loggia e loggione: 30 Euro
Promozione speciale per chi ha acquistato il biglietto del Rigoletto del 7 febbraio: 35 Euro
Speciale scuole: 20 Euro
Diritti di prevendita esclusi

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.