L’ARTE DELLA CESTERIA AL MERCATO CONTADINO DI BORGOCHIESANUOVA, SABATO 5 SETTEMBRE

Da sabato 5 settembre i mastri cestai insegneranno come realizzare cesti e borse per la spesa

cesteria 4

Mantova, 2 settembre – Nelle nostre  campagne,  i contadini, da sempre, usano preparare contenitori intrecciando foglie, arbusti, erbe  palustri, coltivate a pieno campo o raccolte lungo i rivali dei fossi. Una  maestria antica, le cui tecniche sono tramandate di generazione in generazione, che riesce ancora a produrre  autentiche opera d’arte funzionali.

Il Consorzio cerca di far rivivere la  cesteria a km 0 organizzando incontri in occasione dei mercati contadini. Al mercato contadino di Borgochiesanuova, per esempio, ogni sabato mattina, a cominciare da sabato 5 settembre e  sino a fine anno, per tutta al durata del mercato, si susseguiranno dimostrazioni di maestri cestai. Un’occasione per imparare tecniche antiche ma anche per cambiare il modo di fare la spesa, con l’utilizzo di cesti e di sporte in fibre naturali.

cesteria 2.jpg

Questa tradizione rischiava di andare perduta, con maestri che continuavano a lavorare pur in tarda età,  ma ora è in forte ripresa e da hobby familiare si sta evolvendo verso una vera e propria opportunità di lavoro che coinvolge, solo a Mantova, una decina di persone.

La produzione tradizionale si divideva in cesti per attività generiche e cesti per attività specifiche ed utilizzava fibre naturali, carice, salici, midollino, falso indaco.

Con l’avvento della globalizzazione la remunerazione dell’attività di raccolta e di  intreccio tradizionale è crollata, perché richiede  molto lavoro e si può utilizzare materiale d’importazione, spesso semilavorato.

Con l’affermarsi della multifunzionalità in agricoltura, un numero significativo di agricoltori sta recuperando quest’arte  trasformandola in nuove opportunità di reddito integrativo. Queste opere diventano oggetti di arredo e  strumenti  funzionali a supporto di un’economia sostenibile,  in un contesto di agricoltura multifuznionale.

Si  aprono, inoltre,  nuove opportunità per il riconoscimento della cesteria  come attività agricola connessa. Il Consorzio chiede che la cesteria sia riconosciuta come attività agricola connessa, ai sensi del Decreto legislativo 228/2001 e del DM 17.06.2011, che individua i beni che possono essere oggetto delle attività agricole connesse. Un primo riscontro è stato il patrocinio offerto dal  Ministero dell’agricoltura ad un recente convegno su tali aspetti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.