LE OPERE DELL’ARTISTA FRANCESCO TOMMASI TROVANO “CASA” NELLA SUA CERESARA

Piccola Galleria di Francesco Tommasi

Il sindaco Simone Parolini premia Francesco Tommasi insieme al consigliere delegato alla cultrua Dante Allodi

CERESARA – Francesco Tommasi torna nella sua Ceresara per una mostra permanente allestita nel Municipio. Alcuni anni fa l’artista mantovano, infatti, ha deciso, com’è nel suo stile, di donare al Comune di Ceresara, località che gli ha dato i natali nel 1935, una parte del frutto del suo percorso artistico.

Piccola Galleria di Francesco Tommasi – Ceresara

Immediata è stata la risposta da parte dell’amministrazione locale e in particolare del consigliere comunale con delega alla cultura Dante Allodi relativamente alla sua richiesta.

Un si deciso e convinto gli è stato dato ad ospitare le sue opere.

Piccola Galleria di Francesco Tommasi – Ceresara

“Un giorno – racconta Allodi – Tommasi mi ha contattato chiedendomi se eravamo contenti di ricevere in dono qualche sua opera. Ci siamo incontrati e da li è iniziato un cammino che ci ha permesso di collocare in vari spazi di alcuni stabili del nostro Comune quanto da lui donato. Qualche tempo dopo ci siamo risentiti perché desiderava donarci altre opere e di conseguenza per comprendere se vi fossero altri spazi nei quali ospitare le sue creazioni. Da qui nacque una seconda esposizione e a seguire abbiamo potuto dar vita con lui ad altri progetti”.

Vista la validità e il prestigio di quanto da lui creato ha preso forma l’idea che due anni orsono si è tradotta nella creazione della “Piccola Galleria di Francesco Tommasi”.

Piccola Galleria di Francesco Tommasi – Ceresara

Il Comune disponendo di una stanza non utilizzata per l’insegnamento, ha deciso di predisporla a mostra permanente che oggi ospita più di 50 tra quadri ed istallazioni, oggetto che raccontano l’evoluzione artistica da Tommasi compiuta.

Piccola Galleria di Francesco Tommasi – Ceresara

“Con gli ultimi inserimenti – prosegue il consigliere comunale con delega alla cultura di Ceresara – possiamo proporre una settantina di opere alle quali sono aggiunte quelle esposte in una stanza del Municipio che testimoniano il percorso storico che ha vissuto l’artista nativo di Ceresara”.

In definitiva le opere a firma Francesco Tommasi si possono ammirare sia nella piccola galleria, sia all’interno della Biblioteca civica “Ferrante Bandera” sia nello stabile che ospita le scuole primaria e secondaria di primo grado.

L’esposizione presente nel Municipio è visitabile su richiesta oppure in occasione delle mostre allestite in altri locali del comune che vengono proposte nel corso dell’anno.

Francesco Tommasi

Francesco Tommasi nasce a Ceresara (MN) il 29 giugno 1935, vive e lavora a Mantova. La sua attività artistica, da autodidatta, inizia nel 1960.

I suoi primi lavori affrontano temi sociali e sono realizzati a bassorilievo, in seguito passa alla pittura, sperimentando la tecnica dell’affresco, dell’encausto e successivamente l’olio e l’acrilico.

Nel volgere del tempo, la sua ricerca si evolve, i mutamenti si susseguono, cambiano i contenuti, gli stili, ma rimane invariato il suo ispirarsi (anche solo simbolicamente) ai temi sociali positivi.

Tale principio vale pure dove le opere sono realizzate con espressione “ludica”, poiché questa esperienza artistica si avvicina alla vita, compendio di certezze e di eventi inattesi.

Inizia a esporre le proprie opere a partire dal 1970, partecipando a manifestazioni artistiche in molte località italiane, nel contempo allestisce anche mostre personali.

Premi a concorsi: 1970 – Concorso nazionale di pittura e scultura per dipendenti dell’industria, Palazzo delle Esposizioni, Roma. 1972 – Concorso di pittura, Marcaria (MN). 1973 – III Biennale Avis, Suzzara (MN); Concorso di pittura “Olmo”, Montorio (VR). 1974 – Concorso nazionale “Città di Iglesias”. 1975 – Concorso nazionale “Città di Pontoglio (BS). 1975/76 – Concorso del miniquadro, Bovolone (VR); Concorso nazionale “G. Segantini”, Arco (TN); Concorso nazionale “Trofeo A. Tribollo”, Foggia.

Mostre personali e rassegne: 1973 – Galleria La Gritta, Mantova. 1975 – Galleria Il Deschetto, Mantova. 1976 – “9 artisti alla Galleria G. Romano”, San Benedetto Po (MN). 1978 – Galleria Il Deschetto, Mantova. 1981 – Galleria Andreani, Mantova. 1983 – Galleria Inganni, Brescia. 1986 – Galleria Andreani, Mantova; Galleria La Cornice, Desenzano (BS). 1988/89 – “Arte Fluens”, Palazzo Ducale, Mantova. 1998 – “Arte da toccare”, Galleria Sassetti, Milano. 2000 – Antologica opere 1960-2000, Salone Mantegnesco, San Francesco, Mantova. 2001 – Spazio Legno-linea, Mantova. 2005 – Arianna Sartori Arte, Mantova. 2006 – Biennale del disarmo, Artecultura, Milano. 2008 – Studio d’Arte Il Saggio, Mantova. 2010 – Studio d’Arte Il Saggio, Mantova. 2012 – Arianna Sartori Arte, Mantova. 2014 – Arianna Sartori Arte, Mantova. “Cento anni di arte mantovana, dal secolo breve ai giorni nostri”, Casa Museo Sartori, Castel d’Ario (MN). Dal 2015 al 2021 – Galleria Arianna Sartori, Mantova. 2021/2022 – Torre Gonzaghesca, Ceresara (MN).

Nel 1987, Tommasi è tra i fondatori del gruppo artistico Fusionismo/Fusionart di Mantova.

Partecipa costantemente a tutte le mostre organizzate dal gruppo fino al 2016 quando termina l’attività del gruppo con la mostra “L’arte che può” alla Galleria “Arianna Sartori Arte” di Mantova.

Francesco Tommasi con la gallerista Arianna Sartori

La pluriennale attività artistica del gruppo Fusionart si può consultare nel Dizionario biografico “Artisti mantovani nei secoli XIX e XX”, terzo volume, edito da Sartori nel 2001.

Il suo nome è incluso nelle seguenti pubblicazioni: “Pittori contemporanei italiani” a cura di Claudio Selva, Gaglianico Vercelli, 1973. “Dizionario pittori scultori incisori”, edizione Alba, Ferrara, 1974. “Antologia Arte e Poesia del nostro tempo”, a cura di Nello Punzo, Portici Napoli, 1975. “Dizionario dei pittori mantovani”, Adalberto Sartori Editore, Mantova, 1975. “Il Quadrato”, a cura di Giorgio Falossi, 1982. “Pittori scultori incisori nella Mantova del ’900”, a cura di Adalberto Sartori, Archivio Grafico Sartori, Mantova, 1985. “Artisti a Mantova nei secoli XIX e XX. Dizionario biografico”, a cura di Adalberto Sartori e Arianna Sartori, volume VI, Archivio Sartori Editore, Mantova, 2004. “Catalogo Sartori d’arte moderna e contemporanea”, a cura di Arianna Sartori, Archivio Sartori Editore, Mantova, 2012. “Cento anni di arte mantovana, dal secolo breve ai giorni nostri”, Casa Museo Sartori, Castel d’Ario (MN), Archivio Sartori Editore, Mantova, 2014. “Artisti italiani 2022 catalogo Sartori d’arte moderna e contemporanea”, a cura di Arianna Sartori, Archivio Sartori Editore, Mantova, 2021.

Sue opere sono presenti in permanenza (donate) nella chiesetta della Corte Pelagallo, Casale di Roncoferraro (MN); nella Sala consiliare del Comune di Piubega (MN); nella Casa di Riposo “Mons. Arrigo Mazzali” di Mantova; nell’Oratorio della parrocchia di Piubega (MN); nella sede del Comune e delle scuole media di Ceresara (MN).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.