LA STORIA VA IN SCENA, VISITE GUIDATE AL TEATRO SOCIALE DI MANTOVA a cura Delegazione FAI MANTOVA

Se le mura del Teatro Sociale potessero parlare avrebbero mille avvenimenti da narrare, memorie di singoli cittadini che si fondono nella storia collettiva della città.

LA STORIA VA IN SCENA, la Delegazione FAI di Mantova domenica 20 novembre propone visite guidate al Teatro Sociale di Mantova.

La realizzazione di questo edificio si deve alla volontà dei primi palchettisti che duecento anni fa si impegnarono a creare un luogo adibito al pubblico, alla fruizione di massa e, di conseguenza, alla condivisione di spazi in cui i mantovani potessero vivere in un clima di libertà e di incontro.

Il 2022 è un anniversario importante per Mantova. Il Teatro Sociale aprì il suo sipario per la prima volta il 26 dicembre 1822, esattamente 200 anni fa e in questi 200 anni è stato testimone indiscusso della storia della nostra città.

Dalla tragica vicenda dei Martiri di Belfiore, che gli austriaci volevano oscurare costringendo il teatro a rimanere aperto il giorno stesso dell’esecuzione, al discorso che Garibaldi pronunciò nel 1866, giusto dopo l’annessione di Mantova al Regno d’Italia tra i palchi tripudianti di fasce tricolori, alle serate di beneficienza per il sostegno alla popolazione più bisognosa, alle numerose celebrità che hanno calcato il palcoscenico (Arturo Toscanini, Eleonora Duse, Giuseppina Strepponi, Beniaminio Gigli e Luciano Pavarotti).

Un teatro nato dalla volontà dei primi palchettisti che duecento anni fa si impegnarono a creare un luogo adibito al pubblico, alla fruizione di massa e, di conseguenza, alla condivisione di spazi in cui i mantovani potessero vivere in un clima di libertà e di incontro, lontano dal teatro ufficiale “di corte” all’interno del Palazzo Ducale, simbolo del potere austriaco.

La Delegazione FAI di Mantova, nell’ambito degli eventi celebrativi dei 200 anni del Teatro, organizza nella giornata di domenica 20 novembre delle visite guidate durante le quali sarà possibile immergersi in quell’atmosfera di primo Ottocento in cui stava maturando il senso comune di un’Italia unita.

Tre i turni di visita, alle 15:30, alle 16:30 e alle 17:30, durante i quali sarà possibile scendere nel sottopalco, percorrere i corridoi riservati agli addetti ai lavori, salire sul palco per vedere il teatro da un punto di osservazione esclusivo, entrare negli spogliatoi dei coristi al secondo piano con affaccio sul palco dall’interno.

L’evento è aperto a tutti con contributo a partire da 5 euro per gli iscritti FAI e da 10 euro per i non iscritti. Possibilità di iscriversi al FAI in loco. I posti sono limitati, perciò è consigliata la prenotazione tramite il seguente link: https://bit.ly/FAISociale200.

Per informazioni: prenotazioni.mantova@faigiovani.fondoambiente.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.