PARCO DEL MINCIO – “Dalla Terra al Fiume”

Completati i primi interventi per la difesa della fauna ittica nei laghi di Mantova e nelle Valli, posizionamento di lettiere e detriti legnosi per favorire la riproduzione di luccio, persico reale e altre specie minacciate.

Lettiere

Un altro importante tassello si aggiunge per l’avanzamento del progetto  “Dalla Terra al Fiume”, nelle fasi che riguardano il  miglioramento degli habitat riproduttivi di pesci e anfibi nelle Valli del Mincio: il Parco del Mincio ha completato l’Azione 3 relativa alla realizzazione di ambienti idonei alla riproduzione di specie ittiche di importanza comunitaria e oggi in fortissima contrazione come il luccio italico, ecotipo in via di estinzione, o il persico reale.

Nei laghi di Mantova e nelle Valli del Mincio, sono state posizionate lettiere e detriti legnosi fissati alla sponda o ancorati al fondo, con la funzione di ricreare gli ambienti ottimali per la deposizione delle uova e per la protezione dei pesci appena nati (avannotti) dagli attacchi dei predatori alloctoni, come il siluro, il lucioperca ed il cormorano.

Si tratta di strutture realizzate con fascine, piante morte e ceppaie direttamente recuperate dall’attività di taglio selettivo o di pulizia delle sponde, che sono state ancorate ad un corpo morto o burga e che rappresentano una “nursery” ideale per il luccio, il persico reale, la scardola, il barbo, la lasca, il pigo, l’alborella e il vairone.

Fascine

In alcuni tratti del Mincio e dei canali principali sono state invece inserite lettiere mobili di ghiaia, funzionali a replicare gli ambienti ideali per la frega, uno dei momenti più delicati della riproduzione: anche in questo caso le lettiere sono protette con fascine di legname per impedire gli attacchi dei predatori. I risultati attesi riguardano l’incremento della biodiversità della fauna ittica, nelle valli e nei laghi, la protezione della fauna ittica endemica e la riduzione della predazione da parte di specie invasive.

Articolato in azioni finalizzate al ripristino idrodinamico dei canali, alla difesa della fauna ittica e alla valorizzazione del corridoio ecologico del fiume Mincio in prossimità di Mantova, e con una dotazione complessivo di circa 860mila euro lordi , il progetto “Dalla Terra al Fiume” è finanziato da Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Parco del Mincio – che è ente capofila –, e da una rosa di partner composta da Provincia di Mantova, AIPO, Comuni di Mantova, Curtatone, Rodigo e Porto Mantovano.

Il progetto si avvale inoltre del sostegno di numerose realtà associative del territorio, tra cui Arcipesca, FIPSAS, Pro Loco di Rivalta e di Curtatone, associazioni Amici della Vallazza, Per il Parco, Koinè, compagnie di navigazione (Andes, Motonavi Andes Negrini, Barcaioli del Mincio, Insolito Mincio, Navigazione Mincio) e Rugby Mantova.

Rispondi