GUASTALLA – “TRASLAZIONI CROMATICHE” di GRAZIA BADARI in ESPOSIZIONE a PALAZZO DUCALE

Grazia Badari e Sergio Zanichelli.inaugurazione mostra.jpg

Dall’11 al 26 FEBBRAIO 2017

Sabato 11 febbraio alla presenza di molte persone si è inaugurata nel prestigioso Palazzo Ducale detto anche Palazzo Gonzaga di Guastalla (Via Gonzaga 16), la mostra di arte contemporanea dal titolo “TRASLAZIONI CROMATICHE” dell’artista Grazia Badari. La presentazione delle opere è stata curata da Sergio Zanichelli.

Grazia Badari e Sergio Zanichelli.jpg

Scrive dell’artista il prof. Sergio Zanichelli:“L’espressione pittorica di Grazia Badari è la trascrizione gestuale e visiva di un infinito viaggio come descrizione delle relazioni con i luoghi.

Un luogo rappresentativo della memoria personale del suo percorso affettivo che permette all’artista di estrapolare situazioni e condizioni di vita che divengono il concept pittorico della sua produzione pittorica e scultorea.

Se escludiamo il primo periodo artistico che si caratterizza con un’accentuata figurazione cromatica, persone e oggetti della quotidianità visualizzati come icone, come istantanee a rappresentare una società di apparenza e non di essenza, successivamente attraverso una gestualità informale che caratterizza tutto il suo percorso, annulla il soggetto pittorico per darci una traduzione di un possibile linguaggio espressivo di astrazione.

Badari - Tùrbine.jpg

Dopo l’esperienza accademica, Grazia Badari inizia il suo viaggio pittorico  come relazione assoluta e imprescindibile con il contesto in cui vive. Il suo racconto pittorico è delicato, lirico, poetico che è il modo diretto di rappresentare il suo intorno.

Nell’accedere al suo studio, collocato in un piccolo borgo nella campagna mantovana,  in adiacenza alla zona golenale del fiume Po, nell’attraversare quei luoghi così fortemente caratterizzati da silenziose immagini metafisiche sia naturali che artificiali, si ha una immediata “introduzione visiva” del suo linguaggio espressivo.

Le sue opere pittoriche sembrano campiture cromatiche di un territorio rurale “geometrico” che è descritto attraverso l’uso di leggere sovrapposizioni di parti geometriche che rendono l’opera pittorica come silenziosa astrazione lirica e poetica.

Badari - confluenze.jpg

È attraverso  la scelta del colore  che Grazia Badari rafforza questo concetto di “espressione minimale”, quasi a rafforzare la presenza del vuoto e del tempo sospeso.

Una composizione pittorica istintiva, ma perfettamente equilibrata, che rende il suo lavoro facilmente riconoscibile e quindi specifico di un’esclusiva identità.

Identità pittorica come espressione dell’identità dei luoghi  che  rimangono il solo riferimento, l’aspetto iconico del suo linguaggio.

Questo concept viene rafforzato nel tema espressivo del suo ultimo ciclo quello delle “materie”: sabbia, polvere di carbone: materiali che trasformano l’opera da superficie a volume; leggere estroflessioni materiche che non sono altro che lo specchio del suo territorio, del suo ambiente.

Infine il suo lavoro scultoreo che traduce attraverso una catalogazione di oggetti e persone che compongono il suo mondo e assumono un ruolo visivo.

A. Gaudì ci ricorda che l’originalità è un ritorno alle origini e quindi possiamo definire il lavoro espressivo di Grazia Badari come un fantastico viaggio “originale” che ha nella ricerca del “genius loci” il suo tema fondativo e costitutivo.

Un’arte di appartenenza e non di estraneità, di una contemporaneità che ha nel principio valorizzatore delle forme della “memoria collettiva” il suo essere artista originale.”

Grazia Badari è nata a Luzzara in provincia di Reggio Emilia. Partita come autodidatta, dagli anni 2000 ha voluto approfondire la tecnica pittorica prendendo lezioni e frequentando atelier di artisti. Abbandonato il gusto figurativo ha abbracciato progressivamente l’astrattismo fino a farlo divenire la forma d’espressione privilegiata.

Dal 2008 ad oggi ha partecipato a numerose mostre sia collettive che personali ed estemporanee. Ha vinto premi e segnalazioni di merito partecipando a concorsi nazionali.

L’esposizione gode il patrocinio del Comune di Guastalla, Città di Guastalla e Pro Loco Guastalla Galleria Ducale.

Orari di apertura: mercoledì 10,30 – 12,30 — sabato e domenica 13,30-12,30 e 15,30-18,30. Info.: proloco 328.7943204 – 340.8547295 — info@prolocoguastalla.comwww.prolocoguastalla.com . (photo di Giovanni M.).

(G.B.)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.