CELIACHIA – GRANI ANTICHI PIÙ DANNOSI PER I CELIACI. LA RISPOSTA ARRIVA DALLA SCIENZA

celiachia - grani

I grani antichi sono meno tossici dei moderni per i celiaci? La smentita arriva dalle analisi condotte da un team di ricercatori del Crea cerealicoltura e colture industriali di Foggia, in collaborazione con le università di Modena e Reggio Emilia e di Parma.

Gli scienziati hanno confrontato 9 grani antichi (diffusi dagli inizi del ‘900 al 1960) con 3 grani moderni.

Dallo studio è emerso che i grani antichi sono caratterizzati da una maggiore componente proteica e rilasciano una maggiore quantità di peptidi, scatenanti la celiachia, rispetto ai moderni: «L’indagine – spiega Donatella Ficco, coordinatrice del team Crea – è stata condotta su un numero limitato di genotipi, ma rappresenta un importante contributo di conoscenza su un argomento molto dibattuto, su cui il consumatore fa fatica a distinguere la moda dalla scienza e in cui spesso, purtroppo, la disinformazione la fa da padrona, a danno del portafoglio e della salute».

celiachia 1.jpg

La celiachia è una malattia permanente intollerante causata da una reazione autoimmune al glutine, la frazione proteica alcol-solubile di alcuni cereali come il grano, l‘orzo, la segale, il farro. Molti sono gli alimenti che contengono questi cereali, tra i più diffusi pane, pizza, pasta, biscotti.

Può colpire individui di tutte le età e riconosce una predisposizione genetica. Generalmente (forma classica) i sintomi si presentano allo svezzamento. Tra i sintomi vi sono diarrea cronica, dolore addominale, gonfiore addominale, ritardo della crescita nei bambini e astenia. In certi casi (forme atipiche) questi sintomi possono essere assenti e possono esservi sintomi extraintestinali, tra cui sintomi neurologici e correlati al malassorbimento; in questi casi la diagnosi è spesso fatta in età adulta.

Un pensiero su “CELIACHIA – GRANI ANTICHI PIÙ DANNOSI PER I CELIACI. LA RISPOSTA ARRIVA DALLA SCIENZA

  1. Strano. Un altro studio del Crea, finanziato dalla Regione Lombardia, sembra dimostrare il contrario. Inoltre ci sono varie pubblicazioni, dove tra i vari autori figura il compianto Dr Pogna, nei quali viene evidenziato l’esatto contrario di ciò che vorrebbe asserire lo studio attuale. Saluti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.