SAN MARTINO DALL’ARGINE – “VIAGGIO CON GLI OCCHI DELLA FANTASIA” ATTRAVERSO LE OPERE DEL PITTORE NAÏF FRANCO MORA

Nella splendida cornice della Chiesa Castello di San Martino dall’Argine verrà ospitata dal 2 al 31 marzo la mostra personale del pittore naïf Franco Mora dal titolo VIAGGIO CON GLI OCCHI DELLA FANTASIA. Inaugurazione, sabato 2 marzo alle ore 16.00 alla presenza dell’artista e della storica dell’arte Paola Artoni.

Spiega Franco Mora – “Con il patrocinio del Comune di San Martino dall’Argine, mi è stata messa a disposizione la splendida location della chiesa Castello. La mostra fa parte anche di un progetto con le cinque classi delle scuole elementari con visita alla mostra di tutte le classi singolarmente dove illustrerò le mie opere e risponderò a tutte le domande e curiosità degli alunni e delle alunne. Inoltre, ci sarà un full immersion nella mia ‘fantastica’ pittura naïf. Dopodiché terrò un laboratorio artistico e pittorico con i bambini e le bambine della classe quinta.”

franco mora 10.jpg

In mostra una cinquantina di opere realizzate nel corso di questi ultimi anni.

Caro Mora ho scoperto che il sud ti ama, ma anche il nord è fiero che tu porti in ogni angolo d’Italia, la gioia e l’allegria, facendo rivivere antiche mura che non hanno nè voce nè storia, ma che grazie ai tuoi dipinti, ritornano ad udire antichi echi di presenze ormai estinte”. Dino Villani

FRANCO MORA guastallese di nascita, ma viadanese di adozione, vive e lavora a Viadana (MN) con studio in frazione Salina (Via Martelli 21 email: francomorafm@libero.it), inizia a dipingere nel 1973.  L’artista è figlio d’arte, anche il padre Berto, infatti, fu valente pittore. Uno degli esponenti più veri, più genuini della pittura naïf italiana, fra i più noti e ammirati per freschezza e originalità inventiva su tutto il territorio nazionale. Col pennello e con i colori racconta storie fantastiche, ricche di poesia e di partecipazione. Mora è stato il fondatore, nel 1979, del G.I.M.N. (Gruppo Itinerante Murales Naïf) i cui intenti sono stati quelli di diffondere, soprattutto dove era sconosciuta o quasi, l’arte ingenua, realizzando in molte cittadine dello stivale, decine e decine di murales. Un pioniere in questo campo; dal1993, sciolto il G.I.M.N., ha continuato a fare il globetrotter per l’Italia, eseguendo oltre 250 grandi murales.

franco mora 4.jpg

Franco Mora è stato chiamato ad affrescare mega pareti di alcuni reparti ospedalieri, come ad esempio il reparto di Pediatria dell’Ospedale Carlo Poma di Mantova. Si chiama Cromoterapia, ovvero la ricerca della guarigione o di sollievo per chi soffre durante le cure, attraverso i colori che possono aiutare i pazienti a superare così diversi stati d’angoscia. Grazie ai suoi colorati racconti, i malati che entrano in queste strutture si trovano immersi in un mondo fiabesco, provando al tempo stesso un senso di sollievo, togliendo sintomi di ansia e claustrofobia. L’arte, dunque, come funzione terapeutica. Ha allestito mostre in tutta Italia ed all’estero, ottenendo sempre grande successo, grazie alle sue composizioni con personaggi e paesaggi di un mondo fiabesco nel quale si vorrebbe vivere per dare corpo ai sogni di pace e di allegria  che culliamo.

La mostra è aperta al pubblico nei giorni di sabato e domenica 10.00-12.00 | 15.00-18.00

(GB) (foto quadri per gentile concessione dell’artista F. Mora)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.