Plastic-FreER: MENO PLASTICHE E PIÙ ECONOMIA CIRCOLARE

Rivedere i processi produttivi e di consumo per far crescere l’economia circolare, anche attraverso norme più chiare e incentivi alle imprese impegnate nella transizione ecologica. Creare filiere locali per generare nuova occupazione di qualità.

Elaborare criteri specifici per favorire il riutilizzo degli scarti in plastica, evitando che siano classificati come rifiuti e facilitandone così il recupero.

Sono le priorità da seguire per ridurre e, dove possibile, eliminare l’utilizzo della plastica, in particolare usa e getta. A declinarle è la Cabina di regia istituita per individuare modalità e tempistiche di attuazione della strategia #Plastic-FreER, parte centrale del nuovo Piano regionale dei rifiuti e delle bonifiche in corso di approvazione, che punta a prevenire e recuperare la produzione e la diffusione di materiali plastici.

Nei giorni scorsi la Giunta regionale ha approvato l’esito di oltre un anno di lavoro, in cui la Cabina si è riunita 7 volte in sessione plenaria e ha promosso circa 30 incontri di specifici gruppi tematici attivati al suo interno.

“L’attività svolta è il cuore della strategia regionale sulle plastiche: ne supporta lo sviluppo raccordando tutte le istituzioni interessate con il mondo produttivo, della ricerca e dell’associazionismo- afferma Irene Priolo, assessore regionale all’Ambiente-. Ora si è conclusa la prima parte del lavoro e sta per avviarsi la seconda, con l’intento di accompagnare le strutture regionali nell’attuazione della strategia e monitorare i passi avanti compiuti. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato perché la Cabina di regia ci consegna un grande lavoro, assolutamente trasversale e pienamente iscritto nelle politiche di sostenibilità al centro del Patto per il lavoro e il Clima. Un contributo prezioso- conclude Priolo- anche per orientare le politiche e le scelte sulle risorse del prossimo settennato di programmazione dei fondi comunitari, con 49 milioni di euro già assegnati dalla Regione Emilia-Romagna all’economia circolare”. 

Tra le altre indicazioni prioritarie emerse, l’impegno per prevenire e contrastare la dispersione dei rifiuti e la creazione di occasioni di formazione e informazione rivolte anche alla cittadinanza. Non solo. Su foodmeccanica-elettronica e turismo, tre settori fondamentali per l’economia emiliano-romagnola, si è svolto un approfondimento specifico, individuando proposte per ridurre l’utilizzo di nuove materie prime favorendo il riuso e il riciclo degli scarti plastici.

La Cabina di regia 
L’istituzione di una Cabina di regia è una delle quindici azioni della strategia #Plastic-FreER. La sua mission è sostenere l’adozione di misure per favorire un’economia circolare della plastica che privilegi sistemi e prodotti riutilizzabili in grado di preservare il valore dei materiali più a lungo possibile, per ridurre la produzione dei rifiuti e la pressione sulle risorse sull’ambiente.

Alla Cabina partecipano 25 componenti, affiancati di volta in volta da esperti e soggetti interessati alle tematiche. Nel corso del 2021 si è riunita 7 volte in sessione plenaria e ha svolto circa 30 incontri dei gruppi tematici; in tutto ha coinvolto 110 soggetti strutturandosi in tavoli di lavoro orizzontali (policy e normative, tecnologia, economia, formazione e informazione) e verticali (food, meccanica-elettronica e turismo).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.