CASTEL GOFFREDO – CINQUE LE VOLONTARIE IMPIEGATE IN AMBITO CULTURALE, SOCIALE E SCOLASTICO

 

SERVIZIO CIVILE.j1.jpgIl Comune di Castel Goffredo, per la prima volta, ha partecipato al bando nazionale indetto dal Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale dell’Anci, per la selezione di volontari di servizio civile. Anci Lombardia ha avviato 501 volontari in 203 enti locali della regione. Il Comune ha ottenuto l’approvazione di 5 progetti rivolti all’assistenza di cui uno con servizio presso l’ufficio servizi alle persone e quattro nei plessi dell’Istituto comprensivo di Castel Goffredo e un altro rivolto alla promozione culturale con specifico intervento sul patrimonio artistico e culturale, con la cura e la conservazione delle biblioteche.  

Nella mattinata di martedì 11 ottobre, in sala consiliare, l’amministrazione comunale ha presentato i cinque volontari, tutte giovani donne, che saranno impiegate in queste mansioni.

Ai candidati erano stati richiesti alcuni requisiti tra cui il possesso di un diploma di scuola media superiore a indirizzo sociale, psicopedagogico e una laurea inerente per il primo settore e un diploma o laurea inerente i beni culturali per il secondo ambito richiesto.

SERVIZIO CIVILE.jpgLe ragazze sono Valeria Cozza che sarà impiegata in biblioteca comunale, Sara Morbini, Annette Noschese e Erica Lancellotti per i servizi collegati all’istruzione. Infine Giada Panizzon è stata invece assegnata ai servizi sociali. Le prime quattro ragazze sono tutte di Castel Goffredo mentre l’ultima è residente a Castelnuovo di Asola.

Soddisfatti gli amministratori, a partire dall’assessore alla cultura Marco Maggi, assieme al vice sindaco Davide Ploia e all’assessore ai servizi sociali Anna Magalini che erano presenti con la dirigente dell’area servizi alla persona Laura Vaccari.

«Queste ragazze sono una importante risorsa per il nostro comune – ha detto l’assessore Maggi – il nostro obiettivo era quello di poter contare su forze giovani da mettere a servizio dell’intera comunità».

Alla presentazione è intervenuta anche la vice dirigente dell’Istituto comprensivo di Castel Goffredo Dialma Brigoni che ha detto di aver da subito accolto a braccia aperte queste ragazze, fondamentale aiuto per il sostegno dei bambini con disagio.

Le volontarie impegnate nell’ambito scolastico, sono a disposizione delle scuole sia all’interno che all’esterno dei plessi, con l’assistenza ai bambini con difficoltà, ma anche per il servizio di Piedibus e di prescuola.

Il servizio civile dura 12 mesi e le ragazze saranno retribuite direttamente dal dipartimento nazionale del servizio civile.

Rispondi