L’OSPEDALE DI LUGO DI ROMAGNA IMPEGNATO NELLA GESTIONE DELL’EMERGENZA COVID-19

L’Ausl della Romagna si organizza per gestire il previsto aumento dei casi di positività al virus

CORONAVIRUS

UNIONE,13 MARZO – L’ospedale di Lugo farà la sua parte nella gestione dell’emergenza Covid-19: si stanno delineando in queste ore le linee per la gestione emergenziale dei casi di ricovero dovuti al coronavirus, sotto il coordinamento dell’Ausl della Romagna e in condivisione con le Amministrazioni locali.

Siamo in continuo contatto con le autorità sanitarie e sappiamo che l’ospedale di Lugo continuerà a fare la sua parte nella gestione di questa emergenza – ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. Ci stiamo preparando per gestire al meglio la nuova fase che potrebbe aspettarci, siccome stando alle previsioni i casi di contagio dovrebbero continuare ad aumentare nei prossimi giorni”.

Fino ad oggi la maggior parte dei casi è stata gestita dall’ospedale di Ravenna – ha spiegato Luca Piovaccari, sindaco referente per la Sanità dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna -, ma potremmo trovarci davanti alla necessità di riorganizzare la gestione dei ricoveri, e ogni ospedale deve fare la sua parte, la rete ospedaliera deve rispondere in modo integrato. Per questo anche l’ospedale di Lugo avrà dei reparti dedicati alla gestione esclusiva dei casi Covid19. Questo significa che momentaneamente la gestione ordinaria di altre specialità sarà affidata agli ospedali di Ravenna e Faenza. Sappiamo che questo richiederà a tutto il personale del nostro ospedale un ulteriore sforzo, oltre a quello straordinario che stanno già facendo e per il quale non finiremo mai di essere loro grati”.

In questa fase di piena emergenza, l’ospedale di Lugo potrebbe essere chiamato a svolgere un ruolo di primaria importanza, una sfida che possiamo affrontare poiché disponiamo di una infrastruttura moderna ed efficiente – ha rimarcato il sindaco Ranalli -. Questa situazione ci rivela come la battaglia che abbiamo portato avanti in questi anni per la riqualificazione della Rianimazione sia quanto mai indispensabile e urgente, così come lo sarà il coinvolgimento degli operatori, per una visione di insieme sempre realistica, funzionale e improntata all’efficienza del servizio”.

L’ospedale di Lugo si attrezzerà progressivamente per accogliere i pazienti Covid-19 positivi, in accordo con il piano definito a livello regionale dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e dal presidente ad acta per l’emergenza Sergio Venturi.

Sarà coinvolta la Rianimazione, una volta esauriti i posti letto della Terapia intensiva di Ravenna; analogamente, una volta esauriti i posti letto dei pazienti meno gravi, predisposti presso l’ospedale di Ravenna (Malattie infettive, Pneumologia, Chirurgia), i pazienti verranno ricoverati nelle aree delle unità di degenza mediche e chirurgiche dell’ospedale di Lugo.

I pazienti con altre patologie che si rivolgono al presidio di Lugo, in seguito, potrebbero essere indirizzati verso le strutture ospedaliere di Ravenna, Faenza e del privato accreditato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.