MANTOVA-LUCCA: “VIA MATILDICA DEL VOLTO SANTO”

cartina_volto_800_800_800

images

di Mendes Biondo 

Mettersi in cammino, lungo le terre dei Canossa, che dalla città di Mantova attraversano la pianura padana, si inerpicano sul Parco Nazionale dell’Appennino e ridiscendono in Toscana alla città di Lucca, immettendosi nella via Francigena ora è possibile grazie all’unione delle diocesi di Mantova, Modena e Lucca che hanno organizzato l’edizione 2015 della “Via Matildica del Volto Santo”.

Si tratta dell’antico itinerario dei pellegrini che scendevano dalle regioni germaniche alla volta della città di Roma. Sarà possibile seguire un bellissimo percorso che si snoda sui territori matildici, da Mantova a Lucca, dal 23 luglio al 5 agosto 2015.

La figura di Matilde di Canossa, personalità chiave del medioevo europeo, è direttamente legata a quattro luoghi emblematici legati tra loro fin dal Medioevo.

51707833

La via Matildica si innesta su quella del Volto Santo, simulacro che la leggenda vuole scolpito da San Nicodemo e portato sulle sponde di Luni nel 747 insieme all’ampolla del Preziosissimo Sangue. Il ‘Volto’ è conservato a Lucca e oggetto di pellegrinaggi da più di mille anni, mentre l’ampolla è venerato a Sarzama.

Sono invitati a parteciparvi tutti i giovani dai 17 ai 30 anni che vogliono contaminarsi con questa storia e progettare il futuro grazie alle meditazioni che solo il camminare può ispirare; 14 giorni a piedi per toccare, dopo il capoluogo, San Benedetto Po, Borgoforte, Suzzara, Luzzara, Guastalla (fino a qui sono 60 chilometri), Reggio Emilia, Vezzano, Carpineti e Toano (140 chilometri), salire alla Madonna di Pietravolta, San Pellegrino d’Alpe (175 chilometri) e scendere a Castelnuovo Garfagnana, Barga, Borgo di Mozzano e infine Lucca, al traguardo dei 250 chilometri.

98506887

Sarà un’esperienza esistenziale dalla marcata connotazione simbolica. Lo possono testimoniare coloro che hanno sperimentato analoghi viaggi lungo la via Francigena o verso Santiago di Compostela, nel Nord del Portogallo. Un percorso ricco di storia, monumenti, memorie, narrazioni antiche che hanno ancora tanto da dire all’uomo moderno.

L’itinerario attraversa l’asse della via Emilia, una terra che negli ultimi decenni ha trasformato la pianura padana in una delle aree più ricche ed evolute d’Europa. Reggio è al centro e costituisce un crocevia fra moderno e antico, veloce e lento, pianeggiante e impervio.

Per maggiori informazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo pastoralegiovanile@diocesidimantova.it.

2 pensieri su “MANTOVA-LUCCA: “VIA MATILDICA DEL VOLTO SANTO”

Rispondi