MANTOVA – LE OPPORTUNITÁ PER I GIOVANI IN EUROPA. PARTE IL LUNGO WEEKEND DEL FESTIVAL SEGNI!

convegno In viaggio per l'Europa 2.jpgCosa è successo nella terza giornata di festival e

cosa non perdere domani, sabato 29 ottobre

Entra nel vivo questa undicesima edizione di SEGNI New Generations che sempre di più riesce ad avvicinare anche gli adolescenti al teatro, offrendo loro strumenti e stimoli.

I giovani a confronto con l’Europa: in viaggio tra opportunità e passione. Evento centrale della terza giornata di festival il convegno In viaggio per l’Europa che si è tenuto al Teatro Bibiena con più di 200 studenti degli Istituti Superiori arrivati anche da fuori Mantova per l’occasione. L’Europa non è solo un continente, ma anche un’occasione! Come scoprire tutte le opportunità che offre ai più giovani? Erasmus, Erasmus Plus, Servizio di Volontariato Europeo, Europa Creativa, alternanza scuola-lavoro sono diversi modi di viaggiare, studiare e imparare.

Segni festival.jpgSEGNI non è solo un festival di teatro ma anche un’occasione per scoprire come imparare a comprendere quali sono i fondi a disposizione dei giovani per intraprendere progetti di scambi europei e processi di formazione, per scoprire tutte le possibilità che l’Europa riserva per i suoi giovani cittadini. Un incontro formativo, interattivo e coinvolgente nel quale sono intervenuti l’Onorevole Brando Benifei, giovanissimo Eurodeputato che ha raccontato del suo impegno per ampliare la possibilità di sostegno alla mobilità non solo ai giovani che hanno accesso ad una formazione universitaria ma anche agli artigiani. Il Direttore dell’Ufficio informazione a Milano del Parlamento Europeo Bruno Marasà ha ribadito il ruolo fondamentale del parlamento europeo. Giacomo D’Arrigo, Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i Giovani ha testimoniato come una riflessione sull’importanza di votare progetti di legge che sostengono la mobilità internazionale è una presa di posizione che si impone se l’Italia vuole assicurare un futuro alle nuove generazioni. L’agenzia Nazionale per i Giovani si occupa di raccogliere le richieste di dispensare competenza linguistiche tramite i corsi di lingua e di rendere possibile ai giovani l’accesso in Europa oltre che della gestione dei fondi per il Servizio di Volontariato Europeo che compie 20 anni.

Silvia Strada, Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne dell’ANG ha fatto una mappatura molto efficace delle possibilità di mobilità europea al termine della quale con la conduzione di Cristina Cazzola, Direttrice Artistica del festival i ragazzi hanno potuto intervenire con le loro domande e curiosità su problemi come la lingua, la lontananza da casa e la possibilità di trasformare le proprie passioni in lavoro. La presenza dell’artista di strada Matteo Terzi, in arte Soltanto, che ha accompagnato l’incontro con la sua chitarra provocando tante emozioni in platea. Ha ricordato ai ragazzi che esiste una vera e propria “cittadinanza europea” in grado di riconoscersi intorno all’arte e alla condivisione dei valori.

segni-2016-2

Cosa succede sabato al festival

Inizia il weekend e sono attese grandi sorprese e artisti internazionali che si esibiscono con la solita generosità e passione. Dopo il successo di giovedì, anche sabato è prevista la presenza dell’artista Laurent Bigot (ore 11:45, 15:30) con il suo circo in miniatura Petit Cirque che si anima dando vita ad un acrobatico spettacolo sonoro e che dopo le date a Mantova sarà ospite di Danae, noto festival milanese di sperimentazioni artistiche. Tra gli spettacoli da non perdere (sabato ore 21:00 e domenica ore 11:00 e ore 15:30 al Teatro Ariston) c’è Kanikuly, storia di tre clown alle prese con gli ultimi giorni di lavoro prima delle vacanze, e ancora Il giardino delle magie (ore 11:00 al Teatro San Leonardo), drammaturgia di Francesco Niccolini con in scena Luigi D’Elia: uno spettacolo che dura il tempo necessario alla cottura del pane per raccontare il valore dei legami. Ispirato alla storia di André Gorz e sua moglie Dorine Kahn, tra i fondatori del movimento per la decrescita felice, incanta e fa emozionare.

Al Teatro Bibiena alle ore 11:00 e alle ore 21:00 Siamo uomini o caporali che tra clownerie, visual comedy e citazioni da Totò a Chaplin, incarna gli stereotipi di un’epoca intera facendo riflettere, oltre che ridere tanto. Si parla di migrazione, di sogni e speranze in Senza Sponda. Storie di uomini e migranti della Compagnia Teatro dell’Archivolto (Spazio Studio Sant’Orsola, ore 11:00 e 21:00), di e con Giorgio Scaramuzzino, per indagare le cause che spingono milioni di persone nel mondo a intraprendere dei viaggi incredibili. Lavoro delicato e sognante dedicato per spettatori a partire dagli 8 anni. Anche nel weekend naturalmente non mancheranno gli spettacoli per i più piccini: da Il Giardino di Gaia di Teatro Pan (musiche di Carlo Cialdo Capelli) allo Spazio Studio Sant’Orsola e Buio di Scarlattineteatro_Campsirago Reisdenza.

segni-2016

Tanti gli eventi e gli spazi gratuiti: in collaborazione con la redazione di Topolino parte il laboratorio Il lupo a…fumetti in cui i partecipanti (dagli 8 ai 12 anni) potranno realizzare un maxi giornale con notizie di cronaca dal mondo di paperi e topi, strip a fumetti e disegni creativi. Si fa Vita da Lupi con il gioco educativo realizzato nell’ambito del Progetto Europeo Life Wolfalps presente al festival grazie alla collaborazione con il MuSe – Museo della Scienza di Trento. E ancora si fa merenda in giardino presso il Punto Zero in Piazza Broletto, 5, con i prodotti biologici di Bustaffa e partono i Fuochi di Musica nelle piazze a cura di Nuova Scuola di Musica (ore 18:00). Alle 19:00 grande spettacolo in piazza Sordello Effets Flours della compagnia francese Cie Lilou, capace di portare una ventata di primavera nell’autunno mantovano. Una danza inebriante di fiori che colorerà la piazza ed inebrierà gli spettatori.

Rispondi