MANTOVA – MAGHI, NANI e GIGANTI nel COMPLESSO MUSEALE di PALAZZO DUCALE. ANIMALI FANTASTICI del NABUZARDAN a PALAZZO TE

 

maschere-conferenza-stampa

Di Paolo Biondo

Presentato questa mattina, 7 febbraio, nella sala consiliare del Comune di Mantova da parte dell’assessore alla pubblica istruzione Marianna Pavesi,  Peter Assman  direttore museale di Palazzo Ducale , Cristina Cazzola direttrice dell’Associazione Segni d’Infanzia, Renata Casarin, vice direttrice di Palazzo Ducale e Edda Caramaschi Gandolfi, presidente Unicef Mantova, il CARNEVALE DI MANTOVA, che si terrà nei giorni 18 e 25 febbraio 2017.

Un format nuovo nei due Grandi Musei della città firmato Segni d’infanzia, frutto anche dalle collaborazioni nate grazie a Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016, unico in Italia e che caratterizza la città per la sua capacità di coniugare luoghi d’arte riempiendoli di contenuti spettacolari con una proposta accessibile e entusiasmante per tutte le età.

“Abbiamo accettato di buon grado – dichiara l’assessore Marianna Pavesi – la sfida della cultura perché crediamo sia motivo di sviluppo per il nostro territorio, per questo è necessario effettuare un cambio di passo nella realizzazione degli eventi così da vivere alcuni spazi ceh latrimenti sarebbero rimasti dimenticati. Questo porterà sicuramente ad un maggiore sviluppo dei quartieri tra i quali, in particolare, Valletta Valsecchi. Bisogna fare sì che questo Carnevale diventi di richiamo per tutta Italia così da far conoscere anche i nostri luoghi storici e di cultura.”

Per la prima volta due feste di carnevale firmate Segni d’infanzia porteranno il colore e la magia di questa festa nei due palazzi principali di Mantova: novità assoluta sabato 18 febbraio nel Complesso Museale di Palazzo Ducale con “Maghe, Nani e Giganti – Percorso di visita in maschera con spettacoloe il 25 febbraio con il Nabuzardan a Palazzo Te, che consolida una tradizione ormai irrinunciabile. I costumi di carnevale, consigliati a grandi e piccini per divertirci insieme, animeranno le stesse sale che un tempo osservavano abiti rinascimentali e ricchi banchetti. Un carnevale a regola d’arte e per tutte le età, con due aperture straordinarie dei Musei della città, tra spettacoli e percorsi d’arte in maschera, realizzato grazie al sostegno economico di Comune di Mantova e del Complesso Museale di Palazzo Ducale, che hanno partecipato alla costruzione del format.

carnevale palazzo ducale e palazzo te.jpg

Cristina Cazzola di Segni d’Infanzia spiega – “Tre eventi, due musei, una città, il Carnevale di Mantova sarà tutto questo. Il 18 e il 25 febbraio saranno le due date scelte per le manifestazioni che punteranno a proporre un Carnevale che sempre più caratterizzerà Mantova anche fuori dai suoi confini. Un progetto al quale hanno dato il proprio sostegno anche i responsabili di Palazzo Ducale e di Palazzo Te e che vuole proporre alle persone di tutte le generazioni di vivere un momento molto sentito e assai radicato nella tradizione popolare mantovana ovvero il carnevale anche come fonte di cultura. Siamo molto soddisfatti per l’attenzione che è stata rivolta alle idee create in questa edizione. Significativa certamente dello spirito e dell’atmosfera che si creerà per l’occasione sarà la collaborazione che si è creata da un lato con il direttore di Palazzo Te, Peter Asmann, e dall’altro con il Comune di Mantova e la direzione dei Musei Civici”.

I due eventi sono entrambi irrinunciabili e complementari. Il primo, nel pomeriggio di sabato 18 febbraio, per un numero più limitato di spettatori e ideato in collaborazione con i servizi educativi prevede una visita a nuovi spazi dell’Estivale e inaugura gli eventi del Museo dei Bambini grazie alla preziosa collaborazione e disponibilità del Complesso Museale di Palazzo Ducale mentre il secondo appuntamento, nel pomeriggio del 25 febbraio, consolida una tradizione come evento spettacolare con incredibili acrobati e artisti.

Il programma è molto diverso ma in entrambi i casi dedicato a spettatori di tutte le età. Palazzo Ducale, abitato e di rappresentanza, dove la quotidianità era allietata da musici artisti, pittori e saltimbanchi oltre che da ricevimenti istituzionali e Palazzo Te, il luogo delle grandi feste con acrobati musici e artisti eccezionali.

 Peter Assman Direttore Palazzo Ducale Mantova afferma: – “Il nostro spirito – è quello di mettere le cose insieme e credo che sia positivo per tutti perché Mantova ha bisogno di eventi e grandi spettacoli così da valorizzare i luoghi che hanno molto da dare alle famiglie e ai turisti. Bisogna aprire le porte a tutti e creare maschere speciali.

Esprime Renata Casarin: – “Questo è il primo di quattro appuntamenti che abbiamo con Segni d’Infanzia e con i quali abbiamo iniziato un progetto per rinnovare il senso di accoglienza nel Palazzo. La parata porterà dall’appartamento fino alla Sala degli Specchi.

Carnevale a Palazzo Ducale.jpg

PALAZZO DUCALE – 18 FEBBRAIO

Maghe, nani e giganti il titolo e tema dell’evento che si rifà agli abitanti del palazzo e ai miti e alle storie che lo abitavano come quella della maga Manto. Nell’Appartamento della Rustica di Palazzo Ducale, daremo avvio a un carnevale a regola d’arte ideato dai Servizi Educativi del Museo, diretti da Renata Casarin, e dall’Associazione Segni d’infanzia, con la direzione di Cristina Cazzola e l’entusiastica adesione del direttore del Museo Peter Assmann. Il percorso prevede una visita ai nuovi spazi dell’Estivale e inaugura, con il nuovo sistema di riscaldamento, gli eventi del Museo dei Bambini.

Il programma che spazia fra diverse proposte artistiche prevede la presenza dei  Nani rossi acrobati che sotto gli occhi increduli dei bambini si trasformano in giganti  con mirabolanti acrobazie. Laura Torelli di Charta Coop condurrà gli spettatori in una narrazione. Partendo dal mito della  Maga Mantodando solo uno spunto di quanto l’immaginario contemporaneo sia un vero e proprio patchwork – narrerà una fiaba africana, in un excursus che ci fa riflettere sulle nostre storie di origini e sull’identità. Come in tutte le regge non può mancare l’artista visivo: Lucio Diana si cimenterà in una performance di Veri – Ritratti (Veritratti) dei partecipanti in costume con una tecnica tutta contemporanea al confine fra performance e videoarte. Alle video interviste partecipano con Lucio Diana, Carol Cassistat del Teatre du Gros Mecano di Quebec City e Sophia Handaka del Museo Benaki di Atene, all’interno della ricerca “identità mosaico” #il travestimento – Tandem Europe project step2, uno dei progetti di cooperazione internazionale ideati da Cristina Cazzola.

L’immancabile trucco prende i colori dei Gonzaga oro e nero per preparare tutti i partecipanti alla Parata in Costume attraverso le antiche sale del Palazzo. Adulti e bambini scortati dagli ambasciatori ducali Renata Casarin, Lara Zanetti e Eleonora Longhi attraverseranno il salone degli specchi ed altre sale come una delegazione di invitati speciali a corte. Per assicurare una adeguata partecipazione a tutti l’ingresso sarà organizzato in due turni uno alle ore 15.00 e ore 17.00 con una durata complessiva del percorso/spettacolo di  2 ore. L’evento, consigliato per tutti dai 3 anni in su, prevede un numero di accessi limitato per ciascun turno pertanto si consiglia la prenotazione anche per evitare attese. La biglietteria coincide con quella di Palazzo Ducale ma per chi effettua la prenotazione è possibile ritirare i biglietti presso l’ingresso dell’evento al Giardino dei Semplici, adiacenze Piazza Paccagnini. Biglietto per gli adulti  5 €, gratuito per i bambini fino a 12.

cartolina carnevale nabuzardan_tr1 copia.jpg

PALAZZO TE – 25 FEBBRAIO

Ormai da tradizione torna nelle sale di Palazzo Te il Nabuzardan, quest’anno sabato 25 febbraio, dedicato agli “Animali Fantastici”: tutto inizia alle 15 con una parata di biciclette travestite da creature magiche, che convergeranno verso l’esedra di Palazzo Te con partenza  dallo spazio del Gradaro. Tutti i cittadini, partendo dagli abitanti di Valletta Valsecchi, sono invitati a partecipare travestendo le loro biciclette con fantasia e creatività. Tutte verranno parcheggiate ed esposte nei giardini di Palazzo Te, diventando una parte dello scenario fantastico. Per partecipare alla parata di biciclette animali fantastici è possibile partecipare agli incontri di costruzione coordinati da Segni d’infanzia presso la Ciclofficina allestita in Spazio Gradaro, attività di Epicentro Culturale Diffuso Valletta Valsecchi.

Dalle 15.30 gli artisti animeranno le sale della villa giuliesca, in un percorso tra narrazioni sorprendenti e creature straordinarie.

In sala di Apollo e ala napoleonica due postazioni con quattro truccatrici per soddisfare tutti, bambini ed adulti con trucchi fantastici.

Nabuzardan 2016.jpg

In sala Cavalli FEFE, l’equilibrista che danza sulla luna. In equilibrio su una leggerissima struttura di carbonio a forma di luna basculante l’acrobata esegue virtuosismi sul filo poetici e strabilianti.

Nel giardino dell’Esedra Andrea Zerbini con monociclo, diablo e clavette si esibisce nella scenografia di bici travestite da animali fantastici, tra cui curiosa carrozzina con dentro un animale fantastico realizzato in 3D da Helpy Technology e i ragazzi del Politecnico con le stampanti tridimensionali dell’officina creativa Santagnese10.

In tema con gli animali fantastici si esibirà Cecia la donna serpente completamente tatuata che si arrotola e srotola dal palo cinese con movimenti che sfidano la forza di gravità.

L’Ala Napoleonica ospita Amelia Amalia, due trasformiste che si trasformano in sirene che cantano e incantano.

Infine Andreanna, la donna con i cerchi un’acrobata con l’hula hop davvero incredibile.

trucco bambini.jpg

LA CICLOFFICINA DEGLI ANIMALI FANTASTICI

La parata sarà costruita – letteralmente – insieme a te. Grazie al progetto “Epicentro culturale diffuso Valletta Valsecchi” tutti possono partecipare al Carnevale come protagonisti della parata di bici, dall’ideazione alla costruzione. Per farlo, abbiamo immaginato di dividere il lavoro di preparazione in due momenti/laboratori, con una durata totale di 2 ore e 20 minuti circa (se sei bravissimo anche meno o forse di più… vieni a scoprirlo con noi).

È possible realizzare le bici in due appuntamenti o anche in uno solo facendo tutto insieme.

Le fasi: 1. realizzazione sagome – 2. montaggio sulla bici.

Puoi scegliere quando venire a trovarci nella ciclofficina degli animali fantastici di Valletta Valsecchi in Spazio Gradaro, a seconda della tua necessità.

Calendario d’apertura ciclofficina animali fantastici:

  1.  Per la realizzazione sagoma colorata da installare sulla bici puoi venire a trovarci in ciclofficina:

il sabato 11 febbraio dalle 16.30 alle 18.30

oppure il giovedì 16 febbraio dalle 17.00 alle 19.00.

(per realizzare la sagoma servono circa 2 ore)

  1. Per realizzazione sagoma e montaggio su bici (o solo montaggio se sei già venuto a trovarci prima)

il 22- 23- 24 febbraio dalle 16.00 alle 19.00

  1. Solo montaggio

il sabato 25 febbraio dalle 11.00 alle 12.30

(solo installazione tempo necessario 20 minuti)

Per essere sicuro di trovare posto manda un sms o un messaggio whatsapp, mail o messaggio facebook a Segnidinfanzia (- 0376 1511955- cell. 349.6402142)- o mail segnidinfanzia@gmail.com  – così ci prepariamo ad accoglierti. E non dimenticare di portare anche il tuo caschetto: anche se la parata si muove lentamente… La sicurezza innanzitutto!

Ricorda: chi partecipa alla parata oltre a divertirsi un mondo avrà ingresso gratuito a Palazzo Te per il Nabuzardan. Se non puoi venire in bici puoi entrare sicuramente a Palazzo Te e goderti lo spettacolo, biglietto adulti 5 €, bambini 1 €.

Hanno contribuito alle fasi di preparazione della parata gli Scarponauti con il Mantova Bike Festival, Fiab Amici della bicicletta di Mantova, Age Mantova, Arci Fuzzy e Pedibus Millepiedini, insieme ai partner che hanno attivamente partecipato all’ideazione e creazione dell’evento in accordo con gli obbiettivi del progetto Epicentro.

Le informazioni sull’evento sono anche in giro per la città: in Valletta Valsecchi le trovate con i con I disegni realizzati dai bambini della Ludoteca nei totem parlanti diffusi in biblioteca. Media partner Radio Bruno, partner tecnico per la grafica Sigla.

Annunci

Rispondi