REGGIOLO – OLTRE 250 PERSONE in SELLA per la BICICLETTATA della PACE nell’ANNIVERSARIO della LIBERAZIONE

Una Biciclettata della pace nei luoghi simboli della Resistenza per festeggiare il 25 aprile. Anche quest’anno l’appuntamento, giunto alla sua XI edizione, ha raccolto numerosi partecipanti, oltre 250 persone che, insieme ai volontari impegnati nell’organizzazione, hanno raggiunto luoghi storici del territorio.

biciclettata1Non solo. La biciclettata ha raggiunto anche il comune di Gonzaga, nel Mantovano. Con il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli e il sindaco di Gonzaga Claudio Terzi il folto gruppo ha raggiunto il circolo Arci Margonara dove i volontari della Proloco, della protezione civile e i VPR hanno organizzato una sosta ristoro. Il percorso a tappe è stato di circa 20 km.

biciclettata 2.jpgLa Biciclettata della pace non è stato l’unico evento che ha animato il 73esimo anniversario della Liberazione. Dalla messa in suffragio di tutti i caduti al Centro di comunità, al corteo con la deposizione di corone ai caduti al cimitero e alle lapidi commemorative, fino all’appuntamento  in piazza Martiri con gli interventi del sindaco Angeli, del presidente dell’Anpi di Reggiolo Ivan Zanoni e le letture degli studenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado, la partecipazione è stata numerosa.

Le iniziative legate alla Liberazione continueranno anche nei prossimi giorni.

Il 4 e 5 maggio, insieme all’Anpi, una delegazione di una quarantina di reggiolesi guidati dal primo cittadino di Reggiolo raggiungeranno Cinisi, in provincia di Palermo, per visitare la Casa memoria di Peppino Impastato. Un appuntamento preso da tempo, esattamente lo scorso novembre, quando Giovanni Impastato, fratello di Peppino, il giornalista e attivista italiano ucciso dalla mafia nel maggio 1978, è stato protagonista di una serata organizzata all’ex Reggiolo pool per parlare di lotta alla criminalità organizzata. Un tema vicino ai valori della Resistenza, perché battersi per i diritti fondamentali significa combattere anche la mafia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.