MELAVERDE MAGAZINE – IN EDICOLA IL NUMERO DI GENNAIO

Edoardo Raspelli fa l’editoriale sul Parmigiano Reggiano, Ellen Hidding scrive dei vini dei Marchesi Malaspina (a Bobbio,Piacenza) – Tra gli altri argomenti: pistacchi di Bronte, Amarone della Valpolicella, trote del Cuneese, Parmacotto.. – E poi ristoranti, alberghi di charme, prodotti e negozi in evidenza.


Nel numero di gennaio, oltre a ” L’Opinione” di Edoardo Raspelli (sul Parmigiano Reggiano, già raccontato anche di recente a Canale 5) ed al “Dietro le quinte” di Ellen Hidding ( sui vini piacentini dei Malaspina), altri diversi servizi: Laura Tajoli presenta i pistacchi di Bronte, l’Amarone della Valpolicella, il Parmacotto. Si parla anche delle trote del Cuneese,del Terminillo e della Valle d’Aosta.

MELAVERDE MAGAZINE gennaio 2019 le trote del Cuneese.jpg

Vincenzo Venuto scrive di bisonti e del’Arcipelago toscano. Si parla di ristoranti come il celebre milanese Aimo e Nadia o il meraviglioso alessandrino (di Cartosio) Cacciatori.
Sono della celebre Orto Mio di Forlì i consigli utili per l’orto ed il giardino: dai tulipani ai lamponi.

MELAVERDE MAGAZINE gennaio 2019 pagina di Elen Hidding.jpg

Anche gli inserzionisti pubblicitari sono di ghiottoneria e qualità, già raccontati in questi 20 anni in TV da Melaverde, in particolare il sommo prosciutto crudo e la straordinaria spalla cruda prodotta dalla famiglia Montali nella loro azienda Ruliano (a Riano di Langhirano, Parma).

Rivista di 98 pagine – in vendita ogni fine mese a € 2,99 – Melaverde Magazine è edito da Fivestore  RTI . Il direttore responsabile è Andrea Delogu, vice direttore generale della direzione Informazione Mediaset. Il mensile viene realizzato a Milano dalla OpenEyes Film di Simona Stoppa.

Il magazine nasce con la medesima linea editoriale del programma televisivo ideato da Giacomo Tiraboschi e che va in onda dal 20 settembre 1998 e che in queste settimane sta già registrando le prime puntate del 2019, dopo aver superato le 600 puntate.
In aggiunta, la rivista ha tutta una sezione pratica di turismo e di ricette con i prodotti di eccellenza. Molto spazio viene  dato ai produttori, ma anche a  cuochi, negozi, trattorie, ristoranti, boutique hôtel e alberghi che fanno della tradizione e della qualità un punto di forza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.