MANTOVA, AL VIA IL 1° CONCORSO DEDICATO ALLA CUCINA TRADIZIONALE MANTOVANA PREMIO “MERLIN COCAI”

Si è dato vita al primo concorso di CUCINA TRADIZIONALE MANTOVANA dedicato al poeta Teofilo Folengo, (tra i principali esponenti della poesia maccheronica) meglio conosciuto con gli pseudonimi Merlin CoccajoMerlin Cocai o Limerno Pitocco, che farà rivivere l’atmosfera di convivialità che fu teatro e vita tra il XIV e XV secolo.

premio merlin cocai cucina mantovanaMantova pertanto sede di un convivio contemporaneo in cui il cibo e i gesti della sua preparazione saranno al centro di un rituale sociale più ampio e parte integrante del progetto “STORIA E CULTURA POPOLARE MANTOVANA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE”  tra cui rientra il Festival di Teatro Dialettale  organizzato dall’Associazione Comunali in collaborazione con l’Associazione Terranostra.

Il prestigioso riconoscimento intitolato a Merlin Cocai è all’origine di un fitto programma di valorizzazione del ricco patrimonio fatto di materie prime eccellenti e ristorazione di qualità costituita dalle terre comprese nel percorso di vita di Teofilo Folengo.

Sette gli Agriturismi che hanno aderito al concorso:

  • Agriturismo Corte Cavagnara – Viadana
  • Agriturismo Corte Oppietti – Gazzuolo
  • Agriturismo Gandolfi Roberto – Roncoferraro
  • Agriturismo Dell’ibisco – Bagnolo San Vito
  • Agriturismo Il Grappolo – San Benedetto Po
  • Agriturismo La Rasdora – Porto Mantovano
  • Agriturismo Tre Ponti – Villimpenta

Una qualificata giuria aggiudicherà i tre premi in palio che consistono in piatti in terracotta e realizzati a mano da  nomi eccellenti dell’arte scultorea.

Le premiazioni si terranno Giovedì 9 Aprile al Teatro Bibiena nel corso di una serata condotta da Elide Pizzi ed alla quale partecipano numerosi artisti mantovani.

Ingresso ad offerta libera.  Obbligo la prenotazione al 0376 323531 – 3356068289  – www.associazionecomunali.it

Sergio Olivieri premio-merlin-cocai-2020.jpg

L’obiettivo – spiega il presidente dell’Associazione Comunali, Sergio Olivieriè quello di diffondere una cultura costruita sui valori di qualità e unicità propri delle tradizioni culinarie locali. Recuperare la valenza del cibo e della sua condivisione come momento fondamentale dell’incontro con l’Altro e della formazione della comunità, come avveniva all’epoca di vita di Teofilo Folengo ai giorni nostri.

Per Mantova – prosegue Olivieri – il cibo e la cucina sono da sempre manifestazione dell’identità, della storia, dei valori della sua terra, espressione del lavoro e del talento dell’uomo, una forma d’arte e di rappresentazione con una storia importante e molti protagonisti. Nei secoli –  come è avvenuto per la musica, la letteratura, il teatro, l’arte, la moda – la cucina mantovana ha fatto storia rappresentando una delle più apprezzate forme di creatività”.

Conclude il presidente Olivieri – “La tradizione storica di rapporto con la terra e con la natura, la capacità di produrre materie prime di grande qualità, la lunga e appassionante collezione di storie individuali e sociali che oggi compongono il primato di Mantova e del suo territorio nel campo enogastronomico, grazie al progetto saranno portate alla luce per diventare patrimonio collettivo della cittadinanza e da un pubblico vasto e di turisti.”

Giuseppe Groppelli.jpg

Terranostra Mantova – dichiara il presidente Giuseppe Groppelli  – ha aderito con entusiasmo all’iniziativa del primo concorso gastronomico dedicato a Merlin Cocai e al poeta Teofilo Folengo, condividendo l’obiettivo di promuovere i prodotti locali quale veicolo di cultura, storia e tradizione, insieme naturalmente al gusto e alla garanzia che il circuito di Terranostra, associazione degli agriturismi di Coldiretti Mantova, offre ai consumatori”.  

 

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.