MANTOVA -SEGNI New Generations Festival: Teatro,Arte, Spettacoli per Bambini, Ragazzi, Scuole e Famiglie

Torna dal 26 ottobre al 3 novembre SEGNI New Generations Festival, evento culturale e internazionale di teatro, arte e spettacolo dedicato a bambini, ragazzi, scuole e famiglie, giunto alla sua XIV edizione, organizzato dall’Associazione Segni di infanzia.

 Simbolo di SEGNI 2019 è il maestoso cavallo di Giulio Romano, tratto dagli affreschi della volta nella Sala di Troia del Complesso Museale di Palazzo Ducale, con il quale si rinnova anche quest’anno la partnership con l’intenzione di stare al passo – che sia al trotto o al galoppo –  delle nuove generazioni per trasformare il giovane pubblico in cavalieri contemporanei in grado di cavalcare il proprio senso critico, compiere imprese indimenticabili percorrendo le praterie dell’immaginazione.

Oltre 200 appuntamenti tra spettacoli, laboratori, incontri e focus con gli artisti e con gli operatori, ben nove spettacoli in prima nazionale, tanti gli artisti internazionali provenienti da Danimarca, Olanda, Giappone, Canada e soprattutto Francia, da sempre paese ospite grazie alla collaborazione con La Francia in Scena, stagione artistica dell’Institut français Italia, realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut Français, del Ministère de la Culture e della Fondazione Nuovi Mecenati.

Special guest di quest’edizione sarà il pioniere del rap italiano Frankie hi-nrg mc per una serata unica sul palco del meraviglioso Teatro Bibiena con Tra libro e teatro: faccio la mia cosa, monologo ritmato sotto forma di lettura, tratto dal libro edito da Mondadori, per conoscere la storia dell’hip hop e per approfondire un modo di comunicare che esprime le battaglie sociali e dà voce ad intere generazioni (31 ott, ore 21).

Quest’anno il Festival è arrivato in anticipo ed è uscito dalla città con due eventi di anteprima: il 13 ottobre presso il Mantova Outlet Village di Bagnolo San Vito – nuovo teatro e partner strategico di SEGNI – con un’inedita giornata di eventi no stop, spettacoli e laboratori gratuiti, dalle 11:00 alle 18:00, dove i più piccoli hanno sperimentato la decorazione di destrieri di cartone creati da Smurfit Kappa con i quali hanno poi sfilato, per le vie e le piazze del Village, in teatrali cortei al galoppo; il 20 ottobre presso il Teatro di Gonzaga, la rassegna per famiglie Incantastorie curata da Teatro dell’Orsa in collaborazione con il Comune di Gonzaga, ha ospitato invece la coproduzione italo/canadese, Patchwork, un mosaico di storie.

Questa edizione di SEGNI dedica un focus importante al tema dei cambiamenti climatici, cogliendo l’urgenza a parlarne e ad agire manifestata dalle giovani generazioni in tutta Europa, e lo fa con gli appuntamenti I giovani europei, l’artico e i cambiamenti climatici e il Teen Kitchen Table – Ambasciatori del cambiamento (30 ott) realizzati con la collaborazione e il sostegno di Commissione europea, Parlamento europeo, Reale Ambasciata di Norvegia, Tea e Parco del Mincio. E per stimolare comportamenti sostenibili e il rispetto dell’ambiente anche nei bambini a partire dai 6 anni propone lo spettacolo interattivo e gratuito Super Eureka (27 ott) grazie a Tea che sostiene il Festival e con il quale porta avanti questa azione di sensibilizzazione a misura di famiglie e bambini anche nel corso dell’anno, con il Forum sulla sostenibilità del 22 febbraio 2020.

Eco friendly è anche la scelta degli organizzatori di consigliare al pubblico la consultazione del programma sulla App gratuita Festival Segni, creata da Global Informatica, per ridurre l’uso della carta.

Tra le novità di SEGNI 2019: la sezione Una vetrina sul futuro nata dalla collaborazione e con il sostegno di Comune di Mantova, Fondazione Banca Agricola Mantovana e Fondazione Cariplo, dedicata alla creatività emergente, con l’obiettivo di dare visibilità e opportunità di crescita a idee e talenti. In scena (dal 29 ott all’1 nov, ex Convento benedettino) una selezione di spettacoli – Il sogno di Jumbo, Cane nero, Le città indicibili, Alica, Polvere, storie ispirate a grandi classici rivisitati dal teatro d’ombre e di oggetti, sui temi dell’identità, dell’incontro con l’altro, del coraggio di inseguire i propri sogni – creati dagli allievi del Corso di Formazione sul teatro di figura ANIMATERIA – operazione approvata con DGR 1208/2018 del 30/07/2018 e co-finanziata dal Fondo sociale europeo PO 2014-2020 Regione Emilia-Romagna –  a cura di Teatro Gioco Vita, Teatro delle Briciole e Teatro del Drago. Prevista anche la premiazione con 1.000 euro e la presentazione di un progetto artistico selezionato grazie a una call lanciata prima del Festival. Così come da segnalare l’innovativa postazione in Loggia del Grano di Ang In Radio – Lombardia #ecosistemaculturaleeuropa, antenna locale di un network nazionale realizzata grazie ai fondi messi a disposizione dall’Agenzia Nazionale per i Giovani con il “bando per la realizzazione del network delle radio digitali di Ang In Radio”. Uno strumento di espressione e diffusione di idee, storie, talenti e passioni raccontate dalla voce di giovani speaker a partire da esperienze concrete che veicolano le opportunità europee e nazionali offerte alle nuove generazioni.

A SEGNI 2019 anche un appuntamento per festeggiare i 60 anni di gemellaggio tra Mantova, Charleville Mezieres e Nevers, tre città legate nel tempo dalla storia dei Gonzaga, con l’aperitivo di Antoniazzi e l’esibizione degli studenti del liceo coreutico Isabella d’Este che presentano un estratto del musical OperaPop “Fin ch’io viva”, dedicato alla vita della marchesa di Mantova.

Vu∏Camille Chalain.jpg

Tanti gli spettacoli e le performance gratuite che animano gli spazi del centro storico: da quelli de Le piazze in festa (in piazza Sordello e Mantegna) con artisti di fama internazionale, alle Acrobazie in musica, con gli allievi e insegnanti della scuola 2 SideMusic, e con i Fuochi di Musica della Nuova Scuola di Musica, fino al gran finale con gli acrobati de Les Amants du ciel (piazza Broletto, 2 e 3 nov) di MattatoioSospeso, che si esibiscono in una performance di danza verticale sulla facciata del Palazzo dei Bambini (Spazio Broletto) per invitare gli spettatori a guardare lontano, restando uniti.

Ad aprire il Festival sabato 26 ottobre, alle ore 16:00, proprio in omaggio all’artista Giulio Romano e agli antichi Signori della città, una parata su cavalli di cartone – realizzati da Smurfit Kappa e decorati dai bambini – per le vie del centro storico. Una grande giostra teatrale che vede bambini e famiglie raggiungere la Loggia del Grano e dare il via alla XIV edizione di SEGNI a suon di musica, quella dell’orchestra giovanile del maestro Massimo Piccoli della Nuova Scuola di Musica, e con i dolcissimi budini della S. Martino.

Il festival organizzato dall’associazione artistica e culturale Segni d’infanzia, promosso dal Comune di Mantova e Complesso Museale di Palazzo Ducale, patrocinato tra gli altri da Parlamento Europeo, Comitato Italiano per l’Unicef e Regione Lombardia, è sostenuto da MIBAC, Commissione europea, Fondazione Cariverona, Fondazione Cariplo, Fondazione Banca Agricola Mantovana, Ambasciata di Francia, Istituto Francese in Italia, Fondazione Nuovi Mecenati, Tea, Mantova Outlet Village, Agenzia Nazionale per i Giovani, BPER Banca, Reale Ambasciata di Norvegia, Parco del Mincio e numerosi sponsor privati.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.