PALAZZO D’ARCO, RACCONTI D’ESTATE: NELLIE BLY – RAFFAELLO NELLE INCISIONI DI MARCANTONIO RAIMONDI

nellie_bly_journalistjpg.jpg

Mantova, 25 luglio – Domani, sabato 25 luglio il cortile d’onore di Palazzo D’Arco ospiterà il settimo appuntamento della rassegna Racconti d’estate – percorsi d’arte, collezionismo e teatro nella dimora dei Conti D’Arco che avrà come protagonisti gli attori dell’Accademia Teatrale “Francesco Campogalliani” e preziosi oggetti estrapolati dalle ricchissime collezioni della famiglia D’Arco.

In virtù della sinergia tra museo e teatro, il primo momento della serata, che  si concretizzerà in una visita guidata nella sala Luigi d’Arco ad alcune collezioni, normalmente non visibili nel percorso ordinario, stavolta riguarda l’arte incisoria mostrando per la prima volta al pubblico delle rare stampe di Marcantonio Raimondi uno dei più famosi incisori romani che ebbe il merito di divulgare le opere di Raffaello traducendole su lastra e poi stampandole. Raimondi collaborò anche con Giulio Romano divulgando i famosi “Modi”, ossia 16 posizioni erotiche, che costarono l’arresto al Raimondi e furono occasione di fuga dalla Roma papalina per Giulio e del suo conseguente trasferimento a Mantova a servizio della Corte gonzaghesca.

La seconda parte della serata, come si è detto consentirà al pubblico di godere di un momento di  teatro, comodamente seduti nella platea allestita nello scenografico cortile dell’esedra del palazzo:

uno spettacolo preparatolo scorso mese di marzo per il ciclo de “I Lunedì del D’Arco” dedicato  alle donne viaggiatrici della storia e che non potè debuttare a causa della chiusura dei teatri per la diffusione del Coronavirus. Nellie Bly è la seconda figura di donna viaggiatrice a cui l’Accademia Campogalliani ha voluto dare risalto e fare doveroso omaggio.

A differenza di Phileas Fogg, il flemmatico viaggiatore inglese nato dall’immaginazione di Jules verne, l’americana Nellie Bly – giornalista d’inchiesta, viaggiatrice e paladina delle donne – non è il personaggio di un romanzo… ma potrebbe esserlo.

Elizabeth Cochrane aveva 16 anni quando scrisse il suo primo articolo, contestando appassionatamente l’idea che le ragazze fossero fatte solo per la maternità e la casa – impressionando il direttore del Pittsburgh Dispatch, e guadagnandosi il suo primo lavoro da giornalista, sotto uno pseudonimo ispirato a una canzone in voga: Nellie Bly.

nellie bly 2

A 21 anni, decisa a fare “qualcosa che nessun’altra ragazza aveva mai fatto”, trascorse sei mesi in Messico, scrivendo corrispondenze sulla vita locale e mettendosi nei guai con la dittatura di Porfirio Dìaz per avere difeso la libertà di stampa. Aveva 23 anni quando trascorse dieci giorni sotto copertura in un manicomio per denunciare le condizioni di vita delle malate di mente, e ne aveva 25 quando intraprese il giro del mondo, nell’intento di seguire l’itinerario di Phileas Fogg e batterne il teorico record di ottanta giorni. A chi le diceva che una donna non avrebbe mai potuto compiere da sola un simile viaggio, Nellie rispondeva che niente è impossibile, se si applica la giusta energia nella giusta direzione.

Al suo trionfale ritorno negli Stati Uniti, dopo avere battuto Fogg di un’intera settimana, Nellie scrisse un libro sulle sue esperienze di viaggio – dall’incontro con Jules Verne ad Amiens fino alla corsa attraverso l’Atlantico contro tempeste e venti contrary: un vero bestseller all’epoca. Chiara Prezzavento ha adattato il testo in una lettura che abbraccia l’intero globo, e cattura una giovane donna intrepida, determinata, pratica, piena di curiosità e di buon umore, acuta e ingenua al tempo stesso.

La serata è curata da Chiara Prezzavento, che ha pure curato l’elaborazione testuale e che ha scelto come interpreti: Elena Montanari, Luca Genovesi,     Sergio Negri e Mario Zolin.

La elezione brani musicali e il sonoro sono di Nicola Martinelli, mentre le luci e le proiezioni di Massimiliano Fiordaliso

Un tema importante da non sottovalutare è quello della sicurezza: si potrà infatti godere della visita e dello spettacolo in assoluta serenità, poiché i tour alle meraviglie saranno solo per 20 persone a sera, organizzate in due gruppi da dieci persone, mentre la platea ospiterà solo 60 posti a sedere con sedute numerate. Per garantire la sicurezza dei flussi di accesso, sono programmati due momenti di accoglienza: dalle 20.30 alle 20.45 accederanno solo coloro che hanno acquistato il biglietto di visita guidata e spettacolo al costo complessivo di euro 8,00 mentre dalle 21.00 alle 21.30, potranno accedere tutti coloro che hanno acquistato il biglietto per il solo spettacolo al costo di euro 5,00. Non saranno ammessi ingressi al di fuori di queste fasce orarie. In caso di maltempo lo spettacolo sarà rimandato alla sera successiva.

Per le medesime ragioni sopra indicate sarà attiva solo la biglietteria online sul sito web del museo www.museodarcomantova.it dove dalla homepage si troverà il pulsante giallo “prenota” che consentirà di accedere al portale; basterà poi selezionare il box dedicato alla Rassegna “Racconti d’estate” e acquistare i propri biglietti. In caso di maltempo,  lo spettacolo sarà rimandato alla sera successiva.

Per informazioni 0376 322242 info@museodarcomantova.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.